Proroga Bonus Ristrutturazioni 2018: ancora un incentivo per proteggere la tua casa


Bonus sicurezza 2018Il 23 dicembre 2017 il Senato ha approvato definitivamente la Legge di Bilancio 2018.

Grazie a questa misura normativa è stato confermato anche per l’anno 2018 il bonus fiscale sugli interventi di ristrutturazione delle abitazioni,

Questa agevolazione è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef del 50% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 96.000€ per unità immobiliare.Questa detrazione è da ripartire in 10 quote annuali di pari importo e va dichiarata nel modello 730 o modello Unico, a partire dall’anno successivo della ristrutturazione.

Per quali interventi è possibile utilizzare il bonus ristrutturazioni 2018?

L’agevolazione fiscale è relativa a tutti quegli interventi di manutenzione, risanamento e restauro nonché attività di ristrutturazione edilizia su immobili ed edifici residenziali. È possibile utilizzare l’agevolazione anche per attività di ricostruzione o ripristino di immobili danneggiati a seguito di calamità e per interventi finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche. La detrazione è relativa anche ad attività di bonifica dall’amianto e di esecuzione di migliorie volte ad evitare gli infortuni domestici.

La proroga del Bonus tocca argomenti importanti anche per coloro che vogliano mettere in sicurezza la propria casa. Come riportato sul sito delle Agenzie delle Entrate, il bonus fiscale può essere utilizzato anche per interventi finalizzati alla protezione domestica da furti, aggressioni e sequestri di persona. In particolare, come espresso dall’art. 16-bis del DPR 917/1986, il bonus può essere utilizzato per interventi “relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi”. Non rientrano, però, tra questi i contratti stipulati con un istituto di vigilanza.

A chi spetta questo bonus?

I beneficiari, non sono solo i proprietari o i titolari di diritti reali sugli immobili, ma inquilini e comodatari.
Nel dettaglio, possono usufruire delle detrazioni:

  • il proprietario o il nudo proprietario
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • l’inquilino o il comodatario
  • i soci di cooperative divise e indivise
  • i soci delle società semplici
  • gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce.

Hanno inoltre diritto alla detrazione anche coloro che eseguono i lavori in proprio, solo sulle spese di acquisto dei materiali utilizzati.

 

È possibile trovare maggiori dettagli sulle agevolazioni sulle ristrutturazioni collegandosi al sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.
Se invece vuoi saperne di più sul bonus sicurezza 2018, puoi contattarci qui o lasciare un commento qui sotto. Sapremo darti tutte le indicazioni sui sistemi di videosorveglianza e sugli antifurti più idonei alle tue esigenze.